Benvenuti in un mondo a rendimenti negativi


L'oro ha raggiunto i massimi a sei anni.

Ci sono molte ragioni ma soprattutto bisogna citare i tassi di interesse negativi. I rendimenti negativi una volta erano considerati follia economica. Ora sono normalità. In che modo questo influisce sull'oro? Una delle più grandi lamentele sull'oro è che non paga interessi. Circa $ 15 trilioni di titoli di stato in tutto il mondo hanno rendimenti negativi. Questo secondo gli ultimi dati di Bloomberg; e rappresenta il 25% del mercato globale dei titoli di Stato.

Perché i rendimenti si stanno abbassando

La quantità di debito a rendimento negativo è triplicata da ottobre. In meno di un anno. Come è possibile? Le banche centrali di tutto il mondo s'impegnano in un allentamento monetario senza precedenti, che forza i tassi sempre più in basso. Ora, 12 paesi in tutto il mondo, compresi i più grandi come Giappone, Svizzera, Francia e Germania hanno obbligazioni a 10 anni con rendimenti negativi. Le banche centrali danno la colpa a tutti gli eventi che vedono minacciare la crescita economica: la guerra commerciale USA-Cina, preoccupazioni geopolitiche e altro ancora.

La verità è che i mercati mondiali sono ora dipendenti da tassi negativi. È il "Doping" del capitale. In Germania, i titoli di Stato a 30 anni sono diventati negativi per la prima volta in assoluto la scorsa settimana. I governi stanno tagliando i tassi di interesse in modo competitivo, cercando di ridimensionarsi a vicenda e dare un vantaggio alle proprie economie. È una sorta di gara.

Si tratta di obbligazioni con rendimenti nominali (tassi cedolari) inferiori allo zero. Alcuni pagano appena sopra lo zero. L'ammontare del debito con rendimenti reali negativi, ovvero che pagano i rendimenti al di sotto del tasso di inflazione, è di circa $ 30,2 trilioni.



A grafico osserviamo RNY = rendimenti reali negativi. NY = rendimenti negativi (o rendimenti negativi nominali; cioè, debito che non considerando l’inflazione ha già rendimento negativo).

Se vuoi restare aggiornato su opportunità operative, hai la possibilità di farlo inserendo, gratuitamente, la mail qui sotto.


Newsletter